Pagina:Deledda - Il paese del vento, 1931.djvu/61

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 55 —


— Suonare? Che cosa? Nulla: neppure le campane.

I miei fratelli cominciarono a tirare corde immaginarie, riproducendo i rintocchi delle campane quando suonavano per accompagnare i funerali: egli però adesso bada solamente a me, ed alza la voce per dominare il frastuono.

— E allora, che fai, tutto il giorno?

Io guardo la mamma, quasi supplicandola a non smentirmi.

— Lavoro. Si è tanti, in casa, e le serve non fanno mai quanto occorre.

I miei fratelli pretendono di continuare l’ostruzionismo, urlando e ridendo: ma la mamma, visto che le cose si avviano verso il serio, li fa sgombrare anche dalla stanza, e lei stessa va in cucina con la scusa di assicurarsi se il caffè è preparato bene.

Ed eccoci soli, l’una di fronte all’altro, attraverso lo spazio della tavola sulla quale gli oggetti in disordine mi pare partecipino allo sgomento che mi riafferra l’anima.