Pagina:Deledda - Il paese del vento, 1931.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 76 —

— Ti ho preso, e non ti lascerò mai più.

Sopratutto mi avvinse il senso di confidenza e di amicizia che egli subito destò in me. Fu come se la porta chiusa della dimora notturna, dentro la quale amavo nascondermi, d’un tratto si spalancasse, e la luce del mattino arrivasse finalmente anche per me.



Il gioco fu ripreso: e con un colore ben più intenso di quello di prima. Una catena magica stringeva adesso l’uno all’altro gli invitati; e tutti, specialmente le ragazze, si protendevano verso di me ed il mio compagno di gioco, quasi dovesse dalle nostre parole sgorgare il raggio che rivelasse il vero perché della riunione.

E c’è invidia, malizia, ma anche gioia, nello sguardo di tutti: la stessa madre delle ragazze, il cui viso esprime sempre una sofferenza segreta, adesso sorride e mi