Pagina:Deledda - Il paese del vento, 1931.djvu/89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 83 —

ceva parole dolci: anzi mi trattava quasi con durezza: pareva intendesse il senso di ostilità e di rancore che io provavo contro di lui.

Così mi impose di togliermi lo spolverino da viaggio che ancora indossavo, e di lavarmi.

Egli già metteva le robe a posto.

«Oh, metti pur via le mie cose; attacca nell’armadio i miei vestiti, fa’ sparire gli oggetti nuovi, coi quali m’illudevo di cominciare una nuova vita. Fa’ pure; tu sei il padrone: tu puoi comandarmi come una serva, fare di me quello che ti pare e piace. Anche il mio corpo è tuo; ma l’anima ferita no, no, è ancora mia.»



— Ma si potrebbe sapere che hai? — domandò egli infine, quando ebbe riposto tutta la roba, e messa via anche la valigia in un camerino della casa.

— Nulla. Ho freddo.