Pagina:Deledda - Il sigillo d'amore, 1926.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12 il sigillo d’amore

agili e forti capaci di camminare, senza mai stancarsi, fino ai limiti della terra.

Dall’alto di un piccolo cavallo baio legnoso e pensieroso, simile, nelle forme arcaiche, a quelli decorativi delle cassepanche e degli antichi ricami sardi, ho viaggiato mezza Sardegna, e veduto i più bei paesaggi che la mia memoria ricordi.

Accusata di avere, nei miei racconti, sciupato troppo colore e troppa vernice per questi paesaggi, ho voluto rivederli nell’età in cui la fanciullezza non fa più belle della realtà le nostre visioni esterne colorandole del suo divino splendore interno: riveduti dalle impazienti automobili che adesso palpitano nelle vene stradali dell’isola e le riempiono di vita nuova, li ho trovati ancora più belli, nella loro immota e sacra solitudine che vive di sè stessa e pare anzi si rattristi quando viene turbata.

Ricordo sempre il misterioso suono dell’eco che rispondeva alle nostre voci quando costeggiando il monte Orthobene si scendeva al bianco villaggio d’Oliena: era una voce potente, cavernosa, che pareva scaturisse davvero dalle grandi roccie simili alle rovine enormi di una città titanica; e ripetesse sdegnata le vane parole di noi piccoli sopravvissuti ad un’epoca in cui l’uomo anche nelle sue costruzioni materiali tentava di vincere il tempo e avvicinarsi al cielo.