Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


e chiudo gli occhi quando mi trovo in un bivio: e imbrocco sempre la via migliore. Dio aiuta sempre gli uomini di coscienza, che non cercano l’inganno. Anche questa volta mi sono detto: proviamo a battere senz’altro alla sua porta: s’ella mi apre sarà un segno buono. Mi dica lei se lo è.

Ella rispose con voce sorda:

— Io non la conosco ancora.

— C’è poco da conoscere: io sono tale come lei mi vede. Quando lei prende in mano una moneta ne sa il valore; e se lei prende in mano un frutto sano e maturo sa già che frutto è e che sapore ha, e se può farle bene o male. Cosí è di un uomo leale. Ho quarantanove anni e se ancora non ho pensato al matrimonio è perché non ho incontrato la donna che mi piaceva. La mia vita è piena, sebbene solitaria; ma alla solitudine ci sono avvezzo da molto tempo. Sono dottore in medicina, e lo studio, il lavoro, la ricerca, sono i compagni della mia vita. Le dico subito che vagheggiavo il suo terreno per fabbricarci una clinica: cosa che le potrà parere poco allegra, ma è piú utile di tante