Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


non lo siamo, giovani? Non lo sente, che lo siamo?

Gli occhi di lei si velarono di lagrime, per la rivelazione di questo mistero: era viva, dunque, viva e giovane e bastava sollevare il viso per bere finalmente alla coppa del piacere: e tutti i beni della terra la circondavano.

— Piange? — egli disse con lo stupore quasi pauroso di un bambino che vede una cosa bella ma sconosciuta. Perché piange? No, non faccia cosí: mi fa soffrire.

Ella piangeva forte, senza singhiozzi, senza nascondersi, quasi con gioia, come l’albero che al passare del vento si scuote della pioggia che lo ha rinfrescato: e invero, alla lieve carezza della mano di lui, che le sfiorava i capelli e scendendo sulla nuca premeva senza volerlo il fermaglio della collana, aveva l’impressione che questa si sciogliesse e le perle corressero sul suo corpo illuminandolo.

— Basta, adesso; sia buona, — egli insisté con accento di sofferenza.

— Mi lasci piangere; mi fa bene: non