Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 6 —


tavia l’offerta sarebbe vantaggiosa molto. Non è proprio possibile trattare?

— Mi dispiace, no: almeno per adesso.

Ella però parlava sempre un po’ incerta: ed egli insistè:

— Lei mi pennellerà almeno di lasciarle il mio indirizzo e pregarla di ricordarsi di me nel caso si decidesse a vendere.

Ella prese esitando e come solo per buona creanza il biglietto che egli le porgeva: lo guardò, sollevò gli occhi rassicurati: poiché, protetto e illuminato da una piccola corona, aveva veduto un bel nome:

Conte Giovanni Delys

Un conte è sempre, agli occhi di una donno, qualche cosa di più di un uomo comune: e colui che portava questo titolo dimostrava di meritarlo, per la sua figura alta e diritta, e la corretta eleganza del vestire; e sopratutto si degnava di guardare con molto interesse la proprietaria del terreno perchè questa non se ne dovesse sentire lusingata. Tanto più che lei sapeva l’altissimo prezzo del terreno. Ma questo pensiero appunto le oscurò di nuovo gli occhi e