Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 8 —

Anche questo sorriso piacque alla donna: quella bocca grande, cattiva e triste, le destò un senso di desiderio: e subito ella parve interessarsi alquanto ai casi di lui; scese uno scalino e con la mano nuda indicò uno spazio ancora libero di costruzioni.

— Vede, lì è tutto ancora da vendere, e a buone condizioni. Sono terreni di una cooperativa, che s’incarica pure di costrurre.

Egli seguiva la mano di lei con uno sguardo tenace come un bacio.

— Lo so. lo so: ma era il suo terreno che io volevo.

Ella fece un gesto vago, come per dire «se dipendesse solo da me la contenterei,» poi risali lo scalino e si volse per chiudere la porta.

Egli non se ne andava: quando ella si rivolse per salutarlo lo vide così scavato e rattristato in viso che provò quasi un senso di pietà: le parve ch’egli volesse chiederle ancora qualche cosa, forse di accompagnarla, di non lasciarlo solo al limite della città misteriosa che in quella gior-