Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/203

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Il portoncino chiuso della villa, rifugiato sopra tre scalini di pietra e protetto dalla loggia del piano superiore, le ricordò quello di casa sua: verniciato di recente rifletteva anch’esso il verde e l’azzurro intorno, e nelle borchie d’ottone ella vide il suo viso cosí grottescamente deformato, largo e ridanciano, che ne ebbe quasi un senso di allegria.

Ma anche lei, come un giorno l’uomo alla sua porta, non poté suonare subito. Le pareva che quel portoncino, rimesso a nuovo per ingannare gli occhi del visitatore e nascondergli lo stato di vecchiaia e la decadenza della villa, la irridesse con le sue borchie ghignanti, e anche con l’altezza del bottone del campanello, per premere il quale