Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 19 —

erano come dorati per la luce dei ceri s’incontrarono con quelli dell’uomo: un attimo, e il patto vitale fu concluso.



Fin dalla mattina del giorno dopo, la donna cominciò ad aspettare.

Egli non ricomparve, nè in chiesa nè altrove; ella però sentiva che doveva tornare; che quello sguardo agganciatosi nella penombra della chiesa già legava la loro sorte. Ma in fondo aveva paura d’illudersi, poiché sapeva che il metodo di vita al quale era costretta, la portava piuttosto verso il sogno. Viveva in quella casa grande, ancora isolata come una villa in campagna, con una parente anziana che la sorvegliava e, poiché l’aveva quasi allevata lei, controllava ogni sua azione.

Alla mattina i fornitori portavano tutto a casa; poi le due donne sfaccendavano assieme, assistite, pei lavori più grossolani, da