Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/50

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


— Verrò io a cercarla.

— No, la prego, non venga, per adesso, — disse allora pacata. — Tornerò io, qui, alla stessa ora, fra tre giorni.

E dopo che egli le baciò le dita per ringraziarla, se ne andò lieve, trascinandosi sul suo mantello tutti i tenui colori rossicci e dorati del tramonto, tanto che il suo mantello stesso parve stemperarsi in fondo al viale, sull’orizzonte del giardino.

Allora l’uomo tornò a volgersi verso il lago già scuro nell’anello scuro dei lecci; e i suoi occhi parlarono col mistero dell’acqua che rifletteva il mistero della sera.

Amava già davvero la donna? La desiderava, certo, poiché era bella, fresca, ancora inconsapevolmente sensuale: e pensava a sposarla; ma avrebbe pensato egualmente a questo, s’ella non fosse stata la donna ch’egli era andato di proposito a cercare?