Pagina:Deledda - La danza della collana, 1924.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


fino ai piedi, nel viso pallidissimo con la bocca chiusa dolorosa e gli occhi nascosti dalle grandi palpebre violacee: e sopratutto nei capelli corti e folti, da una parte neri dall’altra bianchi, sollevati sulla fronte con due archi ribelli: capelli che tendevano in su come la fiamma e si staccavano continuamente dalle forcine che li fermavano.

— Zia, — disse con voce infantile, dalla vetrata, — non vieni? Sei stanca, vero? Ho tardato, vero? Ma ti dirò poi il perché. Vogliamo mangiare? Zia...

La sua voce era infantile, sí, e carezzevole anche, come quella dei bambini che desiderano qualche cosa; ma l’altra conosceva bene quella voce, e non si lasciava sfiorare dalla sua carezza interessata. Una curiosità gelosa, piuttosto, la sciolse alquanto dalla sua indifferenza ostile.

— Che ti è successo? — domandò senza muoversi.

La giovane uscí sulla terrazza e si appoggiò con la schiena alla balaustrata, tentando quasi di fondersi con la grande luce del cielo per nascondere la fiamma che la