Pagina:Deledda - La via del male, 1906.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
28 la via del male


Legalo il cavallo, ella sedette per terra e si levò le scarpe. Il servo la guardava con insistenza, ed ella se ne accorgeva con piacere; ma ad un tratto Maria, rossa e sudata, si volse e gridò sdegnosamente:

— Pietro, sei incantato? Potresti venire a legare questa bestia infernale che ti somiglia.

Egli non rispose. S’avvicinò e legò il cavallo. Un’ombra gli aveva oscurato il viso.

Anche Maria si levò le scarpe e ricominciò a gridare, incitando il servo a sbrigarsi.

— Presto, presto, presto. Tu hai del tempo, Pietro Benu, ma noi abbiamo fretta. Presto, che il diavolo ti comandi.

Allora egli s’arrampicò su una pianta, con un cestino al braccio, e cominciò a staccare le pere.

Le due cugine coglievano i frutti dai rami bassi, e ridevano fra loro, ammiccandosi e spingendosi. Qualche volta tendevano il grembiale già a metà colmo e Pietro lasciava cadere qualche pera meno matura che rimbalzava fra le altre.

— A me. ora.

— No, a me.

— Sempre a te, — disse Maria, tendendo il suo grembiale. — Pietro, a me, ora: attento! Ecco.

— No, a me. — gridò Sabina, spingendo la cugina. - Su, quella là, vedi, quella pera che sembra d’oro.

— Si, a te; attenta, te la butto sul seno! - egli rispose, sorridendo e fissando il viso sollevato di lei.