Pagina:Dell'obbedienza del cavallo.pdf/358

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

QUARTA 331

scoli, perchè la coperta della pelle ne toglie all’occhio la veduta, nè può giudicarli la qualità dello spirito senza la prova di fatto che ci assicuri dall’inganno; può allora francamente il direttore far l’accoppiamento del maschio con la femina con sicurezza di riuscita per la parte del maschio, e se il prodotto degenera, non può mettere in dubbio che il difetto provenga per la parte della femina: onde quella in tal caso va allontanata dalla razza, e però il primo stabilimento è difficoltoso; poichè l’inconveniente talvolta nasce dagli antenati senza colpa dei genitori, e questo può provenire tanto per la parte del padre che della madre, e siccome il primo si dà a più Cavalle dalla riuscita degli altri suoi figli, può venirsi in cognizione se ai suoi progenitori deva attribuirsi la colpa, o a quelli della femina; in una piccola razza può farsi la prova anche delle femine, ma non è così quando la razza è numerosa, e però l’attenzione del direttore non può porre riparo a tale sconcerto che col tempo, tanto più che talvolta un prodotto dei medesimi genitori può tirare dagli antenati, ed esser cattivo, ed un altro da essi ed esser buono; quindi è, che il continuare a dar sempre stalloni sicuri ad una razza, corregge col tempo il difetto delle fomine, e quello della provenienza dagli antenati; onde al giudizio, e perizia del direttore si aspetta il ridurla nello stato di per-