Pagina:Dell'obbedienza del cavallo.pdf/378

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

QUARTA 351

sperienza insegna in tutti gli animali selvatici.

Egli è inutile, perchè i Cavalli così ben governati, e custoditi tutto l’anno, ed inspecie i tre mesi avanti il tempo della monta, come si suol fare, con cibi scelti, particolari, e stimolanti, divengono solo in apparenza forti, e robusti, ma in sostanza ed in pratica stacchi, deboli, e poltroni, ed incapaci di gareggiare, con la più vile, rozza, accostumata allo strapazzo, e alla vita dura, senza restare al di sotto, su pure in tal prova non perdono la salute, o non vi periscono; perchè tale è l’effetto che produce la vita molle, anche negli uomini; e però I villani sono più forti e robusti dei Cittadini: onde ridotti in tale stato atti sono più a dar piacere alli spettatori della loro funzione, perchè eseguitacon più spirito e prontezza, senza tenerli a tedio, che a rendere il dovuto frutto al Padrone, ch’è condannato nella spesa inutilmente, poichè maggior parte delle Cavalle che li vengono sotto restano deluse e vuote, nonostante l’avvertenza che si ha di dargliene poche, senza mettere in conto il poco valore del prodotto, che non può a meno di ereditare le qualità sopraddette del genitore; e tutto ciò avviene, perchè il gran governo può accrescere lo stimolo, ma non già attività, e virtù al seme, se pure non glie la scema, e indebolisce, come fa della complessione, e come io suppongo.