Pagina:Dell'obbedienza del cavallo.pdf/379

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
352 PARTE

Ed è dannoso perchè essendo lo stomaco sottoposto a divenire il fomite, e la sede di tutti i mali che si formano nell’interno ad ogni minimo incentivo che ne abbia, non può metterli in dubbio, che lo sconcerto e disordine, che non può a meno di cagionare in esse un governo così forte, e fuori del suo naturale, ne indebolisca la complessione, ed insieme porti seco infiniti pregiudizi alla salute sua; posto questo, come mai è possibile che ciò che indebolisce la complessione, possa aver facoltà nell’istesso atto sì pregiudiciale di corroborare la virtù generativa, quando dalla robustezza della medesima depende la maggior sua attività? sconcerto, e pregiudizio che non ha bisogno di prova; poichè questo segue anche in ciascheduno di noi, ogni volta che si eccede nella qualità, o quantità del cibo fuor dell’ordinario; e in fatti chi può revocare in dubbio, che la vita molle cagioni debolezza, e fiacchezza, e che all’opposto la vita dura, e sobria induca robustezza, e forza?

Il governo uniforme, e regolare di tutto l’anno che conviene alla qualità del temperamento e statura, unito ad una adequata fatica senza strapazzo, è quello che deve esser preferito a qualunque altro perch’è quello che forma e conserva la complessione forte, sana, e robusta, anche nel tempo che lo stallone sta fuori d’azione, e che però lo costituisce in