Pagina:Dell'obbedienza del cavallo.pdf/405

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
378 PARTE

valescenti; di una stalletta per il ricovero gli ammalati e d’una mandria per poterli pigliare con facilità e senza strapazzo.

Quella porzione pure che deve servire per le altre partite che compongono l’intero corpo della razza, è necessario che sia provista dell’istesse fabbriche ma di maggiori comodi, come lo richiedono le pregne, le figliate, la gioventù, ed i lattonzoli, che si vanno di mano in mano separando dalla madre che resta priva del latte, e però tanto la pastura che il capannone devono essere divisi in quattro parti, di maniera che il bestiame possa aver l’accesso liberamente dall’una nell’altro, senza che le partite possano confondersi, sì quando sono in pastura, che quando l’istinto naturale le obbliga a mettersi al coperto dalle burrasche, e dall’intemperie dell’aria, ed il capannone dev’essere serrato tutt’all’intorno di muro, che lo difenda dai venti, e provisto tanto di dentro che di fuori d’acqua, perchè per tutto possa essere a portata e comoda la beva, fattavi correre per mezzo di tromba e di canali, e possano i custodi prevalersene per tutto dove occorre, e per poter approntare i pastoni, ed i beveroni a chi deve avergli, e che sopra tutte le divisioni vi sia il suo fienile, e sotto le rastregliere, e mangiatoie necessarie per governarle tutte.