Pagina:Dell'obbedienza del cavallo.pdf/407

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
380 PARTE

chè in questa stagione vi possa esser sempre dell’erba fresca, ed il luogo più ventilato che sia possibile, affinchè il caldo eccessivo possa essere mitigato dal vento e sia priva l’aria di quegli insetti che inquietano infinitamente il bestiame, e sopratutto è d’uopo che sia fornito in abbondanza d’acqua buona per bere, e per il bagno, che è molto opportuno in questa stagione quando se gli può procacciare.

Le praterie che servono per la raccolta del fieno è un’ottima pastura per l’autunno, e dà luogo che quella assegnata per l’inverno, resti nell’estate, e in questa stagione riservata, perchè il bestiame la possa ritrovare nel tempo del maggiore bisogno vergine, e però abbondante.

Del Governo e assistenza, che deve prestarsi nell’inverno a tutto ilcorpo della razza, alli spuppati di fresco, e agli ammalati.

Diverse sono le cose che in questa stagione si uniscono insieme al danno del bestiame di campagna; la rigidezza ed intemperie dell’aria, e l’inopportune burrasche unite all’erba di meno sostanza, di quella dell’altre stagioni, stante la mancanza del calore che anima la vegetazione, e l’acqua troppo sottile, e cruda, poichè il diaccio apporta scompiglio e sconcerto nell’interno suo come lo danno a divedere gli