Pagina:Dell'obbedienza del cavallo.pdf/427

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
400 PARTE

zione di tal consistenza che minaccia sconcerto nella salute; il pigliar carne è una riprova sicura che l’acqua salata produce l’effetto desiderato, e quando li si ricavi, si potrà ciò riconoscere anche col fatto: onde lo tal caso può il custode prevalersi di questa, in vece della polvere d’Antimonio, perch’è più pronta, e di meno spesa, in specie quando si abbia si comodo dell’acqua di mare; se poi lo smagrimento è cagionato da ostruzioni formate, non ha meno attività di scioglierle della polvere d’Antimonio, quella del ferro limato, come l’esperienza mi ha fatto toccar con mano, e però anche questa può darsi ai Cavalli nella semola con profitto.

Della Merca.

Il mese d’Aprile, fuor d’ogni dubbio, è il tempo più opportuno per fare la Merca, la riforma, e la scelta delle Cavalle da destinarsi alli stalloni.

Il merco è un contrassegno che si fa nella ganascia, overo nella coscia, o nella spalla destra dei Cavalli, sì maschi che femine, con impiastri o acque caustiche, o sì vero con ferro infuocato per distinguere una razza dall’altra, ed insieme indicare la proprietà del padronato; e nelle razze selvatiche è molto opportuno anche per poter riconoscere, giustificare, e rintrac-