Pagina:Dell'obbedienza del cavallo.pdf/454

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

QUARTA 427

bestiame grosso; feci fare dai professori l’esame del latte, e si trovò di quella consistenza che si poteva desiderare in Cavalla giovane, ciò che fu comprovato dall’effetto, perchè l’allievo venne con tal prosperità, che giunto il tempo della vendita ebbe l’istesso credito degli altri, e però nel mese d’ottobre fu venduta alla Fiera de’Impruneta, assieme con la balia che l’allattava.

Tutti sopraddetti casi assieme con molti altri che ho stimato bene di tralasciare per brevità, sono registrati in un libro a parte dal computista della razza di Toscana della Maestà Sua Imperiale, intitolato annotazioni delle cose, ed accidenti particolari, che seguiranno nella Razza. ec.

Altro caso finalmente non meno sorprendente venne a mia notizia per relazione fattami da persona degna di fede; ed è che ad un contadino d’un affittuario aveva avuto da una sua Cavalla in occasione d’aver fatto un parto doppio due lattonzoli di diversa specie, cioè un Mulo, ed un Cavallo nell’istesso tempo; ma non ostante, che lo avessi tutta la sicurezza, che il relatore non fosse capace di dire una cosa per un altra, tanto più che asseriva d’averlo visto con i propri occhi, ebbi la curiosità e premura d’essere informato anche delle circostanze, e dell’origine; e però spedii subito a chiamare il sopraddetto contadino per avere da lui una più esatta e circostanziata informazione: e perchè questi non era in casa quando v’arrivò il mio