Pagina:Dell'obbedienza del cavallo.pdf/8

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

vij

l’oculare imperfezione non era bastante a rintracciare cosa alcuna dal moto; nè m’ingannai, perchè appena posti gl’occhi sopra di esso, venni in cognizione non solo dello sbaglio che si piglia nelle scuole, ma anche del modo di correggerlo con somma facilità. Questa scoperta appunto è quella che io vi presento, o Sigg. Cavallerizzi, nella qui annessa opera, che io vi dedico, sicuro che ne avrete gradimento, perchè vi metterà in grado di giovare al pubblico, com’è la vostra professione, ed insieme vi esimerà dal pericolo che avete corso fino ad ora nell’arrischiare la vostra salute, e la vostra vita per vantaggio suo, senza poterne ottener l’intento che per metà, poichè dopo tanta fatica e tempo impiegato non può il vostro Cavallo ammaestrato esser montato senza rischio, che