Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/142

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
132 la carbonaria


Mangone. Avrete manco fatica a darmi il resto.

Filigenio. Prendi, potrai annoverargli con piú agio in casa tua: son cinquanta scudi.

Mangone. Or sí che avete voglia di schiavi: farete che non desini questa mattina per star sollecito al vostro fatto. Vedrò che si fa in casa, e poi tornerò al Molo.

SCENA VII.

Forca, Panfago.

Forca. Noi avemo il bisogno: ecco le vesti per vestirsi da raguseo; ecco quelle per lo schiavo, son ricche e pompose: almeno, se non per la persona, lo torrá per le vesti. Ecco i barilotti, i formaggi e i confetti.

Panfago. Sai tu che a proposito ho comprato le vesiche e i budelli?

Forca. Non so.

Panfago. Ho fatto il tutto a vostro modo; in questo solo vo’ che voi secondiate il mio: ho tolto il barilotto e gli altri intrighi per empirli di varie furfanterie, e ti farò veder salciciotti, provature e mille altre galanterie; che avendogli a far una burla, non ci vogliamo perdere il presente, e noi restassimo i burlati. Ma avèrti, accioché non abbiamo a far questione poi, che, ingannandolo con i falsi, mi arò guadagnato i buoni.

Forca. Hai ragione, lo credo, che accompagnando la tua presenza con vesti riccamente addobbate, che farai miracoli.

Panfago. Quando vedrai l’architettura ch’usarò in contrafar i salciciotti e le provature e i confetti, resterai stupito; e sará non men gloria averlo beffeggiato nello schiavo che nel presente.

Forca. Entriamo, perchè non abbiamo a far altro; ché Pirino deve struggersi di desiderio di far presto.

Panfago. Avèrti che, subito che ritorno, ritrovi la tavola apparecchiata, ché io crepo dalla fame, e sovra tutto buona