Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/203

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


LA «GELOSIA» FA IL PROLOGO.

So ben ch’ogniun di voi che mi vedrá cosí vestita di giallo, con faccia cosí pallida e macilente, con gli occhi sbigottiti e fitti in dentro e co’ giri d’intorno lividi, con questi faci, serpi e stimoli in mano, desidererá saper chi sia e a che fin qui comparsa, rappresentandosi agli occhi vostri piú tosto una sembianza tragica e mostruosa che convenevole a’ giochi e feste della comedia che aspettavate. Nè io arei avuto ardir comparir in questa scena, se anticamente non vi fussero comparsi i Lari, gli Arturi, i Sileni, la Lussuria e la Povertá, e se l’amor che porto a queste mie carissime gentildonne non mi avesse fatto romper tutti gli ordini e le leggi. Dirò chi sia e a che fin qui comparsa. Io son la Gelosia.

Ma oimè! che in sentirmi nominare, tutte queste mie nobilissime signore si sono sbigottite e conturbate e hanno annubilato il sereno di lor begli occhi come avessero inteso qualche cosa orribile e paventosa, chiamandomi tòsco e veleno di cuori, peste infernale e conturbatrice de’ piaceri, e che io finalmente impoverisca e conturbi tutto il regno di Amore. Orsú, lasciate l’odio e lo sdegno da parte, ascoltate le mie ragioni, che vedrete che non ha amor cosa nè piú soave nè piú degna di me. Dite, di grazia, che cosa è amore? Non è altro che desiderio di possedere* e di fruire la cosa amata: e che sia vero, non vedete i vostri amanti i quali, per venire a questo ultimo fine, vi amano, vi servono e vi adorano, e per voi spendono la robba, la vita e l’onore? Ma, dopo aver acquistato il vostro amore, non vedete che quel desiderio a poco a poco viene ad intepidirsi, a raffreddarsi, anzi a

Della Porta, Commedie. 13