Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12 la sorella


Erotico. Tutta la cittá. Ma sappiate che Sulpizia è mio dono irrevocabile, perchè ci abbiamo data la fede di essere sposi, e i nostri amori non son stati sterili: però non sarete per possederla legitimamente mai per moglie, nè senza gelosia.

Attilio. Io prender la vostra Sulpizia per moglie?

Erotico. E sappiate che, se ben l’uomo per sè non val nulla, la disperazione lo fa valoroso. Almeno trattenetevi per qualche tempo, acciochè non vedano gli occhi miei cosí nemico spettacolo e io abbia tempo a partirmi per andar disperso per il mondo: cosí viverete senza mio sospetto.

Attilio. Voi potete promettervi di me come di voi stesso, perchè stimo voi come un altro me stesso; e vi do potestá che ve la godiate e procacciate per moglie, ch’io vi rinunzio ogni interesse che pretendesse in lei, e ve la rifiuto.

Erotico. Ella non è cosa di rifiuto, però non voglio crederlo.

Attilio. Se non volete credere il vero, crederete il falso.

Erotico. E che credete ch’io creda?

Attilio. Ogni altra cosa, fuor che la veritá.

Erotico. Piacesse a Dio che cosí fusse!

Attilio. A Dio piace che cosí sia.

Erotico. Dubito che non lo diciate, che, confidandomi nelle parole vostre, mi attraversiate e la conseguiate con piú agevolezza.

Attilio. Io stimo che i nostri travagli abbino gran somiglianza e corrispondenza fra loro; ma acciochè io non mi doglia di voi di quello che voi vi dolete di me, vi narrerò il tutto, e vederete che, se voi avete ragione, io non ho il torto.

Trinca. Signor Erotico, se voi non tacete, e voi, padrone, non scoprite il fatto, consumaremo il giorno; e noi abbiamo carestia di tempo.

Erotico. Io taccio e ascolto, e per ascoltar meglio comprarci un altro paio di orecchie.

Attilio. Sappiate che, trovandosi Pardo mio padre a’ serviggi della regina Bona in Polonia, che la serviva di scalco, per stanziarvi piú aggiatamente mandò a chiamar Costanza sua moglie e Cleria sua figlia, allora bambina, da Nola, perchè