Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/271

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto quarto 261

ATTO IV.

SCENA I.

Narticoforo, Gerasto.

Narticoforo. (Heu, misero Narticoforo, tu stai in un pelago di ancipiti pensieri! A me duole partirmi senza far molti consci della ingiuria con che m’ha lacessito Gerasto; e se non mi parto, quel suo nipote vuol trucidarmi: io sono tra Cariddi e Scilla!).

Gerasto. (Fioretta non è in camera: andrò in casa, gli farò cenno che venghi, e vedrò se gli forastieri han pranzato e se si riposano).

Narticoforo. (Costui deve esser forastiero in questa cittá, perché va alla casa appestata e la batte per entrare). O viro probo, arrige aures a quel che dico.

Gerasto. O son sordi o dormono.

Narticoforo. Perché battete quel ostio con tanta veemenzia?

Gerasto. Perché ho voglia d’entrare.

Narticoforo. Voi dovete esser forastiero e l’arete presa in cambio.

Gerasto. Or questa è bella, che un forastiero dica ad un cittadino che è forastiero, e gli vogli insegnar la sua casa!

Narticoforo.

Heu fuge crudeles terras, fuge littus avarum!


Gerasto. Perché mi dite voi questo?

Narticoforo. In questa casa ci è la peste, e ponendovi la testa dentro o toccando la porta, s’apprende.

Gerasto. Penso che voi vogliate darmi la baia.

Narticoforo. Vuoi tu un buon consiglio? scostati da quella porta, perché ti appestará.