Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/28

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
18 la sorella

somma ventura. Ma or mi fa peggio che mai, che vuoi rovinarmi in tutto; perché questo sospetto cosí m’inamarisce ogni bene, che mi toglie la speranza di non aver a sperar mai piú favilla di luce: e pur vivo? Son nata pur disgraziata!

Attilio. Io, dal primo punto che vi viddi, fui cattivato nell’amor vostro: però assicurativi, signora, che non meno a me duole il separarmi da voi, che voi da me, parendomi impossibile che l’un possa vivere senza la vita de l’altro. E come potrei io vivere, se i spiriti miei non prendessero alimento da una certa virtú celeste, che sta occulta negli occhi vostri, dai quali prende vigor la mia vita? E tante volte mi ravvivo e rinasco nella mia istessa vita, quante volte vi miro. Son vostro, voglio esser vostro e, ancor che voi non voleste, pur son vostro; nè tutto il mondo basta a far che non siate mia, poiché dalla vostra libera volontá me vi deste. Niuna cosa m’è cara piú di voi; e chi mi togliesse voi e mi desse tutto il mondo, non mi farebbe nulla, che in voi sola è tutto quel ben che posso desiderare nella mia vita.

Cleria. O caro, o caro cor mio, volete scemar i vostri meriti per accrescer i miei, che non ne ho niuno. Ma le vostre parole vengono dettate dalla vostra bontá, che avanzano di gran lunga i miei meriti: e tutte quelle lodi che mi date, tutte si piegano in voi, come i raggi del sole che, percotendo nei specchi, si piegan con piú forza: però, se alcuna cosa in me fusse di buono, tutto vien da voi stesso, che mi conferisce quelle qualitá che voi dite: però resto consolata nelle vostre consolazioni. Laonde con l’amor che mi portate, chiamate a consiglio il bel vostro discorso, e consideriamo s’è meglio fuggir di casa e andar dispersi per lo mondo. Conducetemi per dove volete, per luoghi deserti e senza via: vi son stata compagna nelle prospere, cosí vi sarò nelle fortune calamitose. È ferma deliberazione dell’anima mia non esservi renitente in cosa alcuna: non mi riterrá nè muro nè terra nè cielo, seguane quel che si voglia; pur che sia insieme con voi, ogni luogo m’è patria, ogni fatica m’è dolce, niun pericolo mi spaventa. E veramente per amor non si denno stimar i pericoli.