Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/31

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto primo 21

e dagli atti e cenni conosco che si burlano de’ fatti miei, si parlano in zergo e mi danno la baia, e stimano che non me ne accorga.

Trinca. Quello che voi chiamate zergo, son parole turchesche; e l’usa per farsi intendere dalla sorella che non intende ben l’italiano; e cosí mezo turchesco parlano delle cose di Costantinopoli.

Pardo. Per dirtela, tratta troppo licenziosamente con la sorella: si baciano, si succhiano, si toccano, e fanno tutto il giorno alla lotta, l’un sopra l’altra, quasi che non se la pone di sotto.

Trinca. Son sorelle e fratelli carnali al fine, e il sangue tira e fa l’ufficio suo. E la legge maumettana di lá comanda che le sorelle e fratelli trattino fra loro con molta amorevolezza: sará bisogno smaumettarsi a poco a poco. Poi vostra figlia è allegra di condizione, burla volentieri, e or tanto maggiormente, che si vede libera dalla servitú turchesca e in casa di suo padre e fratello: e questa amorevolezza la chiamano in turchesco tubalch.

Pardo. Io non voglio che non trattino insieme con molta amorevolezza, ma in fin ad un certo termine onesto e di creanza, e non con modi cosí disonesti e di scandalo a chi li vede. Son tali, che m’hanno scemato gran parte dell’amor che li portava; e se mi son mai pentito di cosa mal fatta, mi son pentito di averlo mandato in Turchia a riscattar la sorella, perché ho comprato il mio male, e, per ricovrar la figlia, ho perduto i danari, la figlia, il figlio e me stesso, per il dispiacer che mi danno.

Trinca. In Turchia è usanza.

Pardo. E pur con Turchia, Turchia: il canchero che ti mangi! tutte le mal creanze le scusi con Turchia. Ti conosco per un scappato da mille forche; quanto piú gli scusi, piú l’accusi: se pur son usanze turchesche, or che siamo tra cristiani, bisogna viver da cristiani.

Trinca. Se voi l’aveste maritata, sareste uscito da intrico.

Pardo. Non ho trovato cosa a proposito.