Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/319

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto primo 309

ATTO I.

SCENA I.

Giacoco, Giacomino, Cappio.

Giacoco. Tate, petate e castagne infornate. Zitto, che ti venga la pipetola; m’hai dato tante vernecalonne e vernecocche che m’hai fatto venire le petecchie. Lassamo sti conti dell’uorco, Iacoviello mio, figlio buono come lo buono iuorno, e ascota ca te boglio dicere: io me ne vao a Posilipo, ca Smorfia lo parzonaro m’ha ditto ca vole vendegnare; e se non ci vao e sto con tanti d’uocchi apierti, dell’uva non me ne fa toccare n’aceno.

Giacomino. Andate in buon’ora, Giacoco, mio caro padre, attendete alla vostra salute da cui dipende tutta la nostra; ma quando sarete di ritorno?

Giacoco. Crai, poserai, poscrigni o piscrotte allo chiú chiú, ca la vendegna ce la faccio brocioleare. Guardáte la casa, pigliatevi spasso e sguazzate.

Cappio. Se volete che sguazziamo, lasciateci denari assai.

Giacoco. Mò volea mettere no spruocco allo pertuso se non ci rispondevi tu e bolivi danari: ca te venga la visintieria e ti si secchi la lengua quanno li nuommeni!

Cappio. Una dozina di ducati che ne lasciaste sarebbe ben poca.

Giacoco. Squágliamete denante, ca puozze sparafondare, ca m’hai dato na pommardata dintro l’orecchia. Ca te sia data stoccata catalana alla zezza manca, ca ce capa dintro lo Castiello