Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/320

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
310 la tabernaria

co l’artigliane e onne cosa! non me ne mandare chiú de chesse giasteme, ca me fareste diventare no pizzico de cenere.

Cappio. Oimè!

Giacoco. Oimè, ca trona: va’, frate mio, ca marzo se ne trase.

Cappio. Non sguazzaremo dunque?

Giacoco. i«Nè mò nè mai» — disse Cola da Tranci, lacoviello mio, sai ca te Doglio dicere? cerca dintro le saccocciole de chille cauze vecchie meie, ca ce trovarai doe cincoranelle larghe, stipatelle; e mò ca m’arrecordo, apri quello scrigno vecchio e cerca dintro chille bertole, ca ce trovarai na cinquinella.

Comprate robbe a bizeffe, mangiate ad uocchie de puorco, satorateve a pietto de cavallo, bevete a diluvio; e lassate qualche morzillo pe quanno torno* Cappio. Lasciatici alcun ’altra cosa.

Giacoco. (juerregnao, chisto m’ha fatto la gatta: non aggio chiú spanto, porrissivo sonare le campane de gloria.

Cappio. Qualche cosetta almeno.

Giacoco. Te’, all’uocchi tuoi!

Cappio. Volete che pigliamo pane in credenza dal fornaio?

Giacoco. None, te dico.

Cappio. Che solamente spendiamo quelle cincoranelle?

Giacoco. Sine, te dico. Non chiú parole, ca me se abbottano sti co chiú de na guállara.

Cappio. Metterò mano alla botte.

Giacoco. Se tu metti mano alla votte, io metterò mano alle bòtte pe sse spalle: schitto che ti muovi a far delle toie, quanno torno te faraggio provare che zuco renne cótena, pe l’arma delli muorti mei. lacoviello mio, me ne vao; covernámitte.

Cappio. (Che non ci torni piú!).

Giacoco. Che hai vervesiato, chiattelluso, scummabruoccuoli, aguiento da cancari?

Cappio. Il Cielo vi facci tornar presto!

Giacoco. Vao, ca no me coglia notte pe la via.