Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/351

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto terzo 341


Cappio. Avete prese scambie: cheste stare mi ostelerie, no vostre case.

Giacoco. O ca io no so io, o chessa non è la casa mia; io no sto chiú nchisto munno, sto dintro a n’autro munno; aspetta no poco, lassarne arrecordare meglio. Chesta è la casa de Coviello Cicula, appriesso la casa de Cola Pertola, la terza è d’Aniello Suvaro, la quarta è de Colambruoso e Iacovo dello Caso, appriesso veneno chelle caranfole e carafuorchi, appriesso stava la casa mia; ma chesta me pare taberna.

Cappio. Bone compánie, volere fare brindese.

Giacoco. No boglio fare Brinnese nè Galipoli, ch’aggio chiú boglia de dare sta capa pe ste mura: io sto fora de me, no sto ncelevriello, io no saccio se sto cca o dove sia; voglio fare lo veveraggio a chi me lo dice.

Cappio. Merdamente, che tu stare un altre e chesta no stare casa tua.

Giacoco. Ora chisso è n’autro chiáieto; e me vuoi propio fare imbertecare lo celevriello, ca me vuoi dare a ntennere ca io no so io. Chissi chiáiti non servono; me vuoi dare a ntennere vessiche pe lanterne o ca le femmene figliano pe le denocchie? aggio abbesuogno de pataracchie? Chi sa se la paura delli turchi m’ave fatto deventare pazzo? chi sa se dormo? Ma io non dormo, ca sento, e non me sonno.

Cappio. Ah, ah, ah!

Giacoco. Mira cca sto todisco mbriaco ca ne lo cacciarissi da no campo de fave, se ride delli fatti miei. Forse quarche mazzamauriello o chillo che pozza squagliare diavolescamente m’avessero fatto deventare la casa mia chiú lontana? Se fosse carnevale, diceria ca s’è ammascarata e s’ha pigliata na mascara de taverna. Fuorze sto todisco è pazzo o so pazzo io o semo pazzi tutti due; ma se fosse pazzo, come forría venuto da Posilipo fino a Napole e non errare la via?

Cappio. Tu stare imbriache, poter ire a dormire, perché te passare le imbriachezze certe certe.

Giacoco. Tu sarrai quarche rifolo dello nfierno o chillo ca puozze sparafondare. Dove voglio ire a dormire, ca no aggio