Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/354

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
344 la tabernaria


Giacoco. Orsú, caminiamo; mò dove siamo?

Cappio. Ad Antuono speziale.

Giacoco. Chillo che fa le cure co lo schizzariello?

Cappio. Signor sí.

Giacoco. Zitto zitto, ca non ce senta; ca l’autro iuorno me venne a fare la cura e me mpizzai lo canniello tanto forte ca m’appe a sparafundare, e poi fece lo vrodo tanto caudo che me scaudai tutto lo codarino; e però non lo vuozzi pagare. E mò dove simmo?

Cappio. A mastro Argallo che fa li brachieri.

Giacoco. Passammo a largo, ca m’aggio fatto fare lo vrachiere mio e non l’aggio pagato ncora. Ma quanno arrivarimmo, ca songo allancato?

Cappio. Anzi non sète a meza via, e volete esser gionto?

Giacoco. Me fae botare ntorno ntorno, come botasse lo filatorio o commo a mulo ca bota lo centimmolo.

Cappio. Perché vi meno per strade accortatoie.

Giacoco. Quanno arrivarimmo alli solachianielli?

Cappio. Or ci siamo.

Giacoco. Arrossate dalla poteca de Giangilormo Spiccicaraso, ca m’ave arrapezzate le scarpe e le devo dare cinco tornisi, e mò me vole accosare.

Cappio. Giá siamo gionti.

Giacoco. Tozzola la porta.

Cappio. Tic toc, tic toc.

Giacoco. Quanto sta ad aprire sta madamma tráccola? Priesto, pettolosa mezzacammisa, che te puozze rompere lo cuollo pe ssi scalandruni!

SCENA V.

Giacomino, Giacoco, Cappio.

Giacomino. Chi batte, olá? è questa l’ora da interrompere i studi?

Giacoco. O Iacoviello mio, ca singhi benedetto dallo Celo e da me, ca studi commo no cane! come mò me ne preo.