Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/396

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
386 la tabernaria

e dargli questa ultima sodisfazione di aver tolto moglie senza sua licenza.

Limoforo. Faccisi quanto s’estende il mio potere in servirvi. Andiamo a vostro padre.

Giacomino. Eccolo che vien fuori.

SCENA V.

Limoforo, Giacoco, Giacomino, Pedante.

Limoforo. Giacoco, presentiamo vostro figlio dinanzi a voi, acciò voi ne siate giudice d’aver a punirlo o liberarlo.

Giacoco. Io no saccio la cosa commo è iuta: sciarvogliatemi lo gliuómmero dallo capo, ca pò ve responderaggio.

Limoforo. Vostro figlio a tempo che studiò a Salerno, s’innamorò di mia figlia stimata allora figlia d’un maestro di scuola; e sapendo ch’oggi veniva in Napoli per passare in Roma e che doveva alloggiare al Cerriglio, trasformò la vostra casa in taverna con l’aiuto d’un suo servitore chiamato Cappio, ...

Giacoco. Chisto è lo cunto dell’uorco!

Limoforo. ... dove fe’ alloggiar mia figlia. Voi poi tornando da Posilipo, bisognò che la taverna mutasse faccia; e venendo il maestro poi per alloggiar con la figlia, lo scacciar da casa con occasione; e restò mia figlia sola e sola con vostro figlio: ben sapete che il diavolo mai dorme. Io sapendo questo fui al Regente della Vicaria; ebbi ordine si cercasse la casa vostra e si pigliasse prigioniero vostro figlio, se ne facesse atto publico, né si procedesse alla consueta e solita giustizia. Ecco, lo poniamo a voi, prigione; sappiamo quanto siate uomo da bene: giudicatelo voi, che ne restaremo tutti contenti della vostra sentenza.

Giacoco. Patrone mio, Bossignoria co ssa cera d’emperatore m’ave affattorato, e me potite commannare a bacchetta. Considerate ca no aggio autro figlio che chisso, ca è stato lo cacanidolo di tutti li figli mei.

Limoforo. Nè io ho altra figlia che costei.