Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/47

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto secondo 37


Erotico. O maladetta sia Sulpizia! ...

Balia. (Tu solo, e chi generotti!).

Erotico. ... che fosse morta...

Balia. (Tu ucciso, e morto!).

Erotico. ... e squartata!

Balia. (E tu fatto in mille pezzi!).

Pardo. Or che me ne sono assicurato, datemi la mano in segno del matrimonio.

Erotico. Ecco, volentieri ve la porgo.

Pardo. Ed io la stringo e bacio, in segno di parentela. Non manca altro che al tardo vengati col prete, e la sposiate. Mangiaremo cosí alla domestica, e non facciamo come certi ignoranti, che nel banchetto spendono la metá della dote.

Erotico. Maggior grazia riceverei, s’andassimo a sposarla ora.

Pardo. Andiamo fra tanto al sarto per le vesti.

Erotico. Andiamo dove comandate.

SCENA V.

Balia sola.

Balia. O mondo immondo, o mondo tutto pieno di fallacie e d’inganni, or chi può vivere in te, che sia sicuro dalle tue insidie? O etá maladetta, o crudeltá, o barbarie, che a pena può adeguarsi col pensiero! O Erotico infidele e disleale! O Sulpizia troppo sincera e amorevole, per non dir troppo semplice e troppo sciocca! Dove è la fede che con tanti giuramenti fu data, e che tu osservata l’hai con tanta costanza dell’amor tuo? Taccino, come indegni di conversar fra gli uomini, coloro che incolpano le donne di volubilitá e d’inconstanza. Ite voi, donne, fidatevi de’ giovani del tempo d’oggi, e massime di costoro di prima barba, larghi di promesse e ricchi di giuramenti, che in un punto amano e disamano, come li va il cervello: sono come i sparvieri, avidi sempre di nuove prede, che, se bene han un uccello preso nell’unghie, se ne veggono un altro,