Pagina:Della Porta - Le commedie I.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
44 la sorella


Pedolitro. Anzi, mi par che voi vi facciate beffe di me. Ma chi v’ha detto che sia morta?

Pardo. Attilio mio figlio e Trinca servo, i quali ho inviati col riscatto in Constantinopoli per lei e per Cleria mia figlia; e son alcuni mesi che son tornati di lá, e ha menato seco Cleria sua sorella, e mi ha riferito che Costanza era morta quattro anni sono; che se fusse stata viva, l’arebbe riscattata e condotta a Nola.

Pedolitro. Anzi, ella è viva e sana; e di vostra figlia non si sa nova se sia morta o viva piú di dieci anni sono, ma si tien per fermo che sia morta; ch’un sangiacco, cui ella serviva, l’avea menata fuori; e si dubita, per la gelosia della moglie, che l’abbia avvelenata, che vostra moglie n’ebbe a morir di dolore.

Pardo. Strane cose mi dite. Cleria è in mia casa; e il mio figlio e servo me l’han referito, quanto io vi referisco.

Pedolitro. Ed io vi dico che tutto vi è stato falsamente referito, perchè conosco vostra moglie, a Nola, prima che vi fusse rapita, e la conosco pur quattro anni in Constantinopoli, dove mi son fermato per riscattar il mio figlio. Anzi, nè di vostro figlio nè del servo ho inteso cosa alcuna in Constantinopoli.

Pardo. Quasi che Constantinopoli fusse Nola, che si può saper chi vi capiti.

Pedolitro. Se ben Constantinopoli è una cittá grandissima, e piú di Napoli, le domeniche noi tutti cristiani ci veggiamo nel tempio di santa Sofia, dove ci ragguagliamo e consigliamo delle nostre fortune e ci aiutamo l’un l’altro.

Pardo. Quanto piú dite, men vi credo.

Pedolitro. Ma a che proposito volervi dir queste bugie? Ma io non vo’ che mi crediate. Eccovi una lettera che vi manda: conoscete la sua mano?

Pardo. Questa è la sua mano. O Dio, che stretta mi sento all’anima, che mi restò scolpita in mezo al cuore. Volesse Iddio che tu fussi viva, che verrei io in persona a riscuoterti; e quando non potessi, soffrirei in tua compagnia i tuoi dolori. Da che ti perdei, posso dir che non ho avuto un piacer in questa vita; e non meno l’ho amata morta, che l’amai viva.