Pagina:Della Porta - Le commedie II.djvu/113

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
100 atto primo


Mitieto. Voi m’avete cosí bene espresse le parti d’Erasto ch’essendo io assente le contemplo, e non vedendole le ho innanzi agli occhi.

Cintia. Ahi, pessima mutazion della mia vita!

Mitieto. Talché da una cosí virtuosa emulazione vi lasciaste cadere in cosí ardente passione?

Cintia. ... In questo foco arsi e morii gran tempo desiando sempre occasione di medicare i miei mali; ed ecco Amor la mi presenta. Conversando Erasto in casa mia, s’accese assai fieramente d’Amasia, questa mia vicina; communica meco il suo amore e mi chiede consiglio e aiuto. Io fingo con una mia balia d’adoprarmi in suo servigio; e dopo alquanti giorni gli fo intendere da parte di Amasia che, quando volesse sposarla, gli darebbe in preda se stessa e l’amor suo. Erasto accetta l’invito contentissimo: cosí cominciossi a trattar del modo. In somma, se gli fe’ intendere da parte di Amasia che, volendola Pedofilo suo padre maritar in Bologna lor patria, non arebbe mai consentito a simili nozze. Però bisognava godersi insieme di notte senza che anima se ne accorgesse per imaginazione: e voleva per patto espresso che non passasse mai per casa sua, non le mandasse ambasciate per altri che per me o per la mia balia; e che si facesse una buca nel muro, che divideva la casa sua dalla mia, per poter passar nel mio appartamento; e che mentre ella stesse con lui, io non mi fussi partito dalla buca per alcun periglio che n’avesse potuto succedere; e che in camera si fusse contentata averla con un lumicino: il che fu tutto accettato da Erasto liberamente come quello che ne spasimava di passione. ...

Mitieto. Vieni presto alla conclusione, ch’io fatico mirabilmente col cervello per saper dove siate per riuscire.

Cintia. ... La conclusione è venuta alle due ore di notte, che fu l’ora ordinata fra noi. Fingendo io d’andare alla buca a far la guardia, mi vesto de’ panni d’Amasia e me ne vengo al mio studio terreno: la balia l’introduce; egli mi sposa, mi spoglia, e ci ponemo in letto, dove stemmo tutta notte abbracciati insieme tanto stretti che parevamo una cosa medesima. ...