Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 1.djvu/88

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
74 ANNOTAZIONI

da taluni attribuita all’abderita Ecateo, onde s’intende perchè dica Strabone, che dalle altre scritture del milesio appariva che fosse sua anco la geografia. - Alcune parti di questo libro si citano coi titoli di Giro dell’Asia, della Libia, dell Egitto. — Ecateo fu non solo uomo di Stato e storico, ma gran viaggiatore. Veggansi le Recherches sur Hécalèe de Milet dell’abate Sevia (Mem. de l’Acad. des Inscr. et belles lettres, vol. vi, p. 472). - Wkert iiberdie Geographie des Ilecalaeus uad Damastes, Weimar 1814, in 8.° I frammenti d’Ecateo raccolse il Creuzer, Historicorum art liquor, graec. fragmenta, Heidelbergae 1806, in 8.° Contemporaneo di Ecateo, e suo condiscepolo alla scuola di Senocrate fu Menecrate elaite (Strabone, l. xii). Egli scrisse la Descrizione dell Ellesponto e un’altra opera sulle Origini delle città. Verso quest’epoca vuoisi collocare l’opera di storica geografia di Dionigi di Calcidc, intitolata Fondazioni e divisa in cinque libri. Parimente Ellenico di Mitilene puossi annoverare fra i geografi. Citansi le sue descrizioni de’ paesi stranieri e greci coi titoli d’Egiziache, Eoliche, Argoliche, Arcadia, Asopide, Aliale, Atlantide, Beoziache ecc. ecc. I frammenti di Ellanico furono raccolti e pubblicati dallo Sturtz in Lipsia 1787, in 8.° (Strab. l. i). (M.)

(79) Anche questi è fra i filosofi geografi da Strabone sul principio dell’opera sua rammentati.

(80) Diog. Laerzio, l. viii, sez. 48 .

(81) Voce Democrito.

(82) Oltre il Rennell scrissero intorno alla geografia d’Erodoto il Larcher, i dotti francesi autori della gran Descrizione dell’Egitto, lo Schlichthort, Geographia Africae Herodotea. Goett. 1788, in 8.°, e il Niebuhr in una dissertazione tedesca inserita nell’Ahhandlungen der Kon. Acad. der Wissensch. Berlin, 1812-1813. (M.)

(83) The Geographical System of Herodotus ec. p. 5 .

(84) L’insolenza e l’ingiustizia di Strabone contra Erodoto è patente là dove (l. xvii, 819) il chiama frappatore e il rimprovera di aver aiutato con miracoli il suo discorso quasi fosse canto, ritmo, dolcezza. Ha abbiamo già osservato nelle nostre