Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 2.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


DELLA

GEOGRAFIA

DI STRABONE


LIBRO SECONDO


CAPO PRIMO

Descrizione della Carta di Eratostene. Alcune sue opinioni difese contro le insussistenti censure d’Ipparco; poi dimostrate fallaci per altre ragioni. Osservazioni generali sugli errori di Timostene, Eratostene ed Ipparco.


Nel terzo libro della Geografia ponendo Eratostene la figura della terra abitata la divide con una linea parallela all’equatore da levante a ponente. Per ultimi punti di questa linea assegna a levante le Colonne d’Ercole, a ponente le estremità di que’ monti che segnano il lato settentrionale dell’India: e la conduce dalle Colonne per lo stretto della Sicilia, per le estremità meridionali del Peloponneso e dell’Attica infino a Rodi ed al golfo d’Isso. Ed afferma che «la linea predetta