Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 2.djvu/236

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
222 della geografia di strabone

nondimeno credette poi ciò che dice della Britannia, di Gadi e dell’Iberia? Però egli afferma potersi con molto migliore consiglio aver fede in Evemero che in costui: perocchè Evemero dice di aver navigato intorno ad una sola regione, la Panchaja1; ma Pitea asserisce di avere veduta l’Europa settentrionale fino agli estremi del mondo: cosa che niuno vorrebbe credere nemmanco a Mercurio, se pur l’affermasse. E nondimeno Eratostene, il quale mostra di tener a vile Evemero denominandolo bergeo2, presta poi fede a Pitea in quelle cose medesime nelle quali nè Dicearco pure gli assente».

Questa menzione che qui si fa di Dicearco è ridicola, come se Eratostene avesse dovuto fondarsi sopra Dicearco, contro del quale lo stesso Polibio reca in mezzo tante censure. In quanto ad Eratostene poi già si è detto che gli furono sconosciute le parti occidentali e settentrionali dell’Europa; e però sì a lui come a Dicearco si vuol perdonare, perchè non videro i luoghi eglino stessi; ma a Polibio ed a Posidonio chi mai perdonerebbe? e principalmente a Polibio, il quale

  1. Panchaja. Gli Edit. franc. dicono: Dans une seule contrée inconnue, dans sa Panchaïe. Tuttavolta il Gossellin è di parere che quest’isola Panchaja, di cui Evemero avea pubblicata una relazione (Diodoro Siculo ce ne ha tramandato un estratto) non sia una semplice sua invenzione. Mém. de l’Acad. des Inscript. et Belles Lett., t. xlix.
  2. Bergeo. Cioè: Bugiardo e venditor di fole come Antifane di Bergea.