Pagina:Della geografia di Strabone libri XVII volume 2.djvu/326

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
312 della geografia di strabone

una tanta, quasi vorremmo dir, guerra (la quale non accade però sempre, ma solo per qualche corruziane dell’aria) poterono aver bisogno di cosiffatto rimedio: del resto contro i casi ordinarii furono trovate molte maniere di caccia: e nutrono a cotal fine studiosamente certi furetti salvatici che la Libia produce; poi, dopo aver chiusa loro la bocca, gl’introducono nei fori; ed essi o colle unghie traggono fuori quanti leboridi possono ghermire, o li costringono di fuggirsene all’aperto, dove sono pigliati dalle persone quivi a tal uopo appostate.

L’abbondanza degli oggetti che portansi fuori della Turditania è fatta manifesta dalla grandezza e dalla moltitudine delle navi. Perocchè le navi da mercatanti che da quel paese vengono a Dicearchia1 e ad Ostia, arsenale di Roma, sono grandissime, e nel numero quasi gareggiano con quelle di Libia.

Tale è il paese della Turditania nel suo interno: la sua spiaggia poi potrebbe dirsi non meno felice pei beni che le vengon dal mare. Perocchè le ostriche e le conchiglie d’ogni generazione e grandezza abbondano in tutto il mare esteriore, ma principalmente su quella spiaggia di cui ora parliamo; perchè ve le fanno crescere i flussi e riflussi già detti, essendo ben naturale ch’essi contribuiscano a renderle numerose e grosse formando un gran numero di stagni o di lagune2.

  1. Pozzuolo.
  2. Leggo cogli Edit. franc. e col Coray δἱα τἡν λιμνασίαν in luogo di γυμνασίατ.