Pagina:Delle cinque piaghe della Santa Chiesa (Rosmini).djvu/23

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
 
23


tertenimenti scambievoli divennero rari, e i più brevi possibili perchè molesti a tutte e due le parti; che molesta è la conservazione di due ceti fra loro troppo disparati: e la venerazione e l’amor filiale de’ preti si cangiò in una timida soggezione; come l’autorità tenera e paterna de’ Vescovi prese l’aria di una superiorità mista ora di scherzevole disprezzo, ed ora di compassione: il Clero inferiore scapitò in tal modo nella opinione de’ popoli, nel mentre che il Clero superiore acquistava un cotale splendore più apparente che reale1. Nel ceto dei Sacerdoti così degradati, farà egli maraviglia che trovasse allora aperta la porta ogni ribaldaglia? e che il carattere sacerdotale fosse ignobile a sè medesimo, dopo esser tale divenuto all’occhio de’ popoli? Vero è che le occupazioni della predicazione e della cura d’anime, abbandonate, come dicevo, quasi per intero al Clero inferiore, sante essenzialmente, potevano giovare a sostenerlo dall’abisso: ma dall’istante che il più alto grado del sacerdozio risplendeva innanzi agli occhi di lui non d’altro fregiato che di opulenza e di potere; a questi beni dirigeva naturalmente anche il sacerdote semplice le sue mire, invidiando il suo Vescovo: e quindi la parola di Dio; il Sacrificio, i Sacramenti servirono a un tristo mercato in cui rinnovavasi ogni giorno mille fiate la vendita che avea fatto del divino Maestro il discepolo traditore. Per la stessa ragione i sacri riti, le divozioni, le preci, gli stessi dogmi furono apprezzati, predicati e ministrati al popolo in ragione di ciò che rendevano ai Sacerdoti: e così il popolo rimasto ignorante in tante altre parti della cristiana sapienza, seppe però sempre perfettamente le speciali dottrine dei suffragi, delle benedizioni, de’ precetti della Chiesa, delle indulgenze, che avevano annesso un provento pe’ ministri dell’altare; e seppe anco più cose a questo riguardo, di quelle che nella dottrina cristiana si contenessero. Per questi passi, i preti divennero in tale avvilimento, che non fu riputato più degno che il Vescovo si abbassasse a pensare ad essi, e infastidirsi intorno alle cure moleste d’una educazione che non era più loro necessaria. I vizî traboccarono; si pensò di ripararvi colle leggi e colle pene, cioè con de’ mezzi legali, proprii anch’essi più dei reggimenti temporali che dell’ecclesiastico, i quali mezzi, senza togliere la morale radice de’ mali, li tengono per qualche tempo nel proprio alveo a tutta forza acciocchè non dirompano in una universale inondazione: ma finalmente sfiancati gli argini, ne fu allagata tutta la Chiesa; e fu minacciato da quelle onde rigonfie, vi fu atterrato e convolto anche il suo fasto profano, la sua temporale grandezza medesima. La madre de’ credenti allora fu disconosciuta da’ figliuoli suoi, e popoli interi rifuggirono dalla sua faccia che era come nascosta ai loro deboli occhi. L’Episcopato vide sè stesso punito dalla Provvidenza in un modo a lui inaspettato, improvviso; perocchè s’era avvezzo di persuadersi che i suoi interessi andavano innanzi allorchè gli riusciva di rasparsi un qualche palmo più di terra, o un qualche grado maggior di potere nel regno che viene da questo mondo: e intanto, assorto ne’ piccoli suoi calcoli, non s’avvedeva che le nazioni da lui si ritiravano, e che le persone, la cura delle quali egli aveva abbandonato per quella delle cose materiali, abbandonavano scambievolmente lui, e riprendevano seco le cose che alle persone sempre vanno congiunte. L’Episcopato rifiutato, rinnegato, annullato d’improvviso, e quasi a un cotal cenno invisibile in centinaia di diocesi, l’Episcopato che discendeva da sè stesso dal trono perchè venuto in odio a sè stesso (e furono i vescovi di Germania, di Francia e d’Inghilterra che strapparono dalle proprie fronti le ben-

  1. In tutto quello che qui diciamo, abbiam detto, e diremo, noi parliamo in generale: vi hanno le sue eccezioni, perocchè in ogni tempo v’ebbero santissimi Vescovi nella Chiesa. E vogliamo averlo avvertito una volta per sempre.