Pagina:Delle istorie di Erodoto (Tomo III).djvu/502

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Masistio, comandante della cavalleria persiana, cade n Platea, IX, 20, 24.

Masisflo, figlio di Siromitre, VII, 79.

Ma$I)i, una delle tre primarie tribù dei Pei-sianì, 1, 125.

Massaie, figlio di Oarizo, eomaiidantt, dei Libi, VII, 71.

Massa^cti, popolo scita, grande e valoroso, ohe abita oltre TAraxe, 1, 201, 204, 215; non conoscono altro nume che il Sole, cui tengono per loro signore, I, 212, 21G; costumi dei Massageti, I, 21tì; loro fogge di vestire, I, 215; si ammogliano, e mantengono tuttavia la comuniono delle donne, I. 216; IV, 172; uccidono e mangiano i vecchi, I, 216; incalzano faorì delle loro sedi gli Sciti nomadi, IV, 11: condotti dalla loro regina lomiri, vincono ed uccidono Ciro che gli aveva assilliti. 1, 205-214; i Massageti sono ricchi di rame e d’oro, I. 215.

Matlani, monti ove sono le scaturigini del Gindo, I, 180; e dell’Arale, I, 202.

Mattoni, popolo che adita il paese fra l’Armenia e la Cissia, V, 4i», 52; bagnala dal fiume Ali, 1,72; pagano tributo a Dario, HI, 94; militano noll’osercito di Serse, \ll, 72.

Mausolo, (li (.’indi nella Caria, padre di Pissodaro, V, 118.

Maxiii, Lilii agricoli, loro paese e loro usanze, IV, 191.

Mazare, Modo, incaricato da Ciro di riformare gli usi dei Lidi secondo i consigli di Creso, I, 156; vince i Priencsi, 1, 161.

Meandro, fiume tortuoso, I, 18; 11,29; V, 118; scorro accanto alla città di Magnesia, HI, 122; riceve le acque dei fiume Marsia, V, 118; sue scaturigini, VII, 26; campo del Meandro, 1, 18, 161; n, 10.

Mcandrio, di Samo, figlio di Meandrio, segretario di Policrate, III, i:^; primo governatore di Samo i)er Policrate; poi re, IH, 142; V, 27; occupato il trono di Samo, deve abbandonarlo al sopravvenire de’ Persiani per restituire il governo a Silosono, HI, 142-117; andato a Sparta, gli Efori ne lo bandiscono jior consiglio del re Cleomene, IH, 148.

Heclste, fratello di Adrasto, ucciso da Meualippo sotto Io mora di Tebe, V, 67.

Meciberiia, città greca nella Tracia, VII, 122.

Medea, figlia di Coleo re di £a nella Colcbide, è rapita dagH Elioni, I, 2; VII, 62.

Medi, IV. 37, 40; vivono sparsi nelle borgate, I, W; genti diverse in cui si distinguevano i Medi prima che Deioco gli unificasse in nazione, I, 101; già nominati Ari, prondono il nuovo nome da Medea di Colchido, VII, 62; si ribellano al dominio degli Assiri, I, 95; ed eleggono Deioce per loro re, I, 96,100; sotto il regno di Fraorte estendono il loro dominio su tutta l’Asia, 1, 102; e durante il regno di Ciaiaro fanno la guerra contro i Lidi, I, 103; durante una battaglia della guerra coi Lidi, avvenne un’ ecclisse di sole, I, 73, 74, 103;