Pagina:Dialoghetti MCL 1831.pdf/42

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

41

per venticinque anni di trionfi, volete che la temano al tempo di Luigi Filippo, e mentre nelle strade di Parigi si vedono tuttora le pedate dei soldati russi e tedeschi? Al contrario la Francia teme essa stessa, ed i francesi fanno i bravacci, ma quando sentono nominare i Cosacchi, si pisciano dentro i calzoni.

La Guerra
Sarà dunque per risparmiare le spese.
La Moderazione
Neppure. Tutte le potenze stanno sul piede di guerra, e questo stato di diffidenza armata costa assai più di quanto costerebbe una buona guerra guerreggiata davvero.
La Guerra
Forse hanno temuto che i loro popoli non volessero secondarli, e che mettendo il mondo a rumore si ribellassero anch’essi?
La Moderazione
Non dovrebb’essere nemmeno questo, vedendosi che i principi confidano nei loro popoli, giacchè accrescono smisuratamente il numero dei soldati che alla fine sono popolo anch’essi. E poi se si teme che lo spirito della libertà possa corrompere i popoli, più si lascierà soffiare alla Francia e più ci sarà da temere per la seduzione dei popoli.
Il Mondo
Ma dunque perchè i principi non provedono alla mia quiete e alla loro sicurezza, e non fanno la guerra?
La Moderazione
Io non so cosa dirvi; so solamente che la guerra non c’è più, e che adesso al mondo tutto ha da essere moderazione.
Il Mondo
Figliuola mia, parliamoci chiaro. Negli affari grandi voi siete stata sempre poco rispettata anche quando avreste potuto giovare, e crederete che si pensi a voi davvero quando la troppa moderazione può produrre la rovina del mondo? No no, quì sotto ci sta qualche mistero.
La Moderazione
Anch’io ho immaginato alcuna volta di essere un burattino mosso da qualche mano invisibile, ma intanto le cose vanno così, e tutto all’improvviso la moderazione è diventata la padrona del mondo.
La Guerra
Dunque io non mi posso più muovere?
La Moderazione
Neppur per sogno.
Il Mondo
Dunque se si abbrucia una casa non si può correre ad estinguere il fuoco?