Pagina:Dialoghetti MCL 1831.pdf/57

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56
Pulcinella
Ci è un pezzo di cascio cavallo che ho portato per fare il memento di Napoli.
La Finanza
Pagate dieci soldi per il dazio d’introduzione.
Pulcinella
Ma io son un pover’uomo e non tengo denari.
La Finanza
Dunque anche questo è perduto.
Il Dottore
Nel regno della libertà non si è liberi di pigliare il tabacco a suo modo?
Pulcinella
Il popolo sovrano non è padrone di portare un pezzetto di cascio dove gli pare?
La Finanza
Se volete introdurre il formaggio pagate il dazio d’introduzione, e se volete prendere il tabacco andate a comprarlo alla privativa nazionale.
Pulcinella
Anche qua si trovano queste porcherie delle gabelle, e delle privative?
La Finanza
Credete forse che il governo di un paese libero possa mantenersi senza denaro?
Il Dottore
S’intende bene che ogni governo ha bisogno di avere una rendita, ma credevamo che nei paesi della libertà, gli aggravii del popolo fossero appena sensibili.
La Finanza
Quanto a questo, vivete in grande inganno, perchè gli aggravii sono più forti adesso di prima.
Il Dottore
Più forti adesso che al tempo di Carlo X?
La Finanza
Indubitatamente; al tempo di Carlo X il popolo era un povero suddito, e pagava da suddito, adesso è sovrano, e paga da sovrano.
Pulcinella
Dunque nel tesoro ci sarà una montagna di Luigi Filippi?
La Finanza
Tutto al contrario; il tesoro è pulito come il rovescio della scodella.
Il Dottore
Come può accadere questa faccenda?
La Finanza
Io non so dirvi il perchè, ma questo è il miracolo di tutte le rivoluzioni. Appena un paese si rivolta, gli aggravii crescono, i privati cadono in miseria, e la cassa della nazione è sempre vuota.
Pulcinella
Si è detto sempre che l’oro è il ministro di tutte le iniquità. Per questo quel birbante si accorda con li re assoluti, e non può vedere li popoli liberi.
Il Dottore
In Inghilterra peraltro non accade cosi. Quello è il paese della libertà e dell’oro.