Pagina:Dialoghetti MCL 1831.pdf/7

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
6
L’Italia
Chi li ha presi se li gode, e felicissima notte.
L’Europa
Ma la scomunica in bulla coenae?
L’Italia
Già si sa; chi bolla sbolla. Volevate forse che andassero tutti all’inferno?
L’Europa
Dio mi guardi daquesto desiderio infernale; ma non ci è assoluzione dal peccato se non si restituisce il rubato.
L’Italia
Questa volta però il Papa ha dovuto fare di più; ha dovuto assolvere dal peccato, e lasciare che ognuno si goda il rubato.
L’Europa
E perchè tanta indulgenza coi scomunicati e coi ladri?
L’Italia
Per non far peggio mammina: per non lasciare troppe persone scontente; riunire gli animi, e consolidare la pace del mondo. Eh, voi non v’intendete di certe cose, ma per la pace si è fatto altro che questo. Tutti i ribelli hanno avuto le loro pensioni, e si sono cercati con la lanterna per fare a ciascheduno un regalo. Di più essi hanno i migliori impieghi nei governi, comandano nelle armate, e insomma non ci è nessuna distinzione di meriti e di persone, con che tutti gli uomini formeranno una sola famiglia e vivranno da veri fratelli.
L’Europa
Questo, figliuola mia, mi pare un pensare da forsennati. Con tali modi si disgustano i buoni, si dà coraggio ai malvagi, si confondono le idee del giusto e dell’ingiusto, e così il mondo non diverrà una famiglia di buoni fratelli, ma una spelonca di assassini, ovvero una tana di lupi.
L’Italia
La Politica non dice così, e quella è una gran donna. La sa lunga, e vede da lontano.
L’Europa
Già da quella sgualdrina mi aspettavo qualche gran precipizio.
L’Italia
Ma che; volevate che si facesse tutto un sanguinaccio?
La Giustizia
Ragazzaccia stordita. Noi non vogliamo sanguinacci, ma per bene di tua madre e di tutto il mondo vorremmo che si facessero le debite distinzioni, che l’onestà e la cattiveria tornassero a chiamarsi col proprio nome, e che i birbanti contenti di conservare