Pagina:Diario del principe Agostino Chigi Albani II.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 109 — A. 1850

Martedì 7. — Questa mattina a S. Luigi de’ Francesi si è celebrato un solenne funerale per i militari periti in gran numero a Augers in Francia per la rovina di un ponte sospeso.

Mercoledì 15. — Il conte Giulio Litta, che figurò nella rivoluzione di Milano del 1848, e che ora ha preso servizio nell’Armata piemontese, e che era comparso in Roma da qualche giorno, ieri per ordine della Polizia è dovuto partir da Roma per andare ad imbarcarsi a Civitavecchia, e si dice sia stato accompagnato da un Commissario della Polizia stessa sino alla diligenza.

Lunedì 20. — Questa mattina il Papa ha tenuto il Concistoro segreto, in cui, oltre le proposizioni di molte chiese vescovili, ha pronunziato una allocuzione che si crede relativa agli affari ecclesiastici d’Austria e di Piemonte, e di cui si attende la pubblicazione colle stampe 1. Il Generale Gemeau arrivò poi effettivamente Sabato sera.

Giovedì 30. — Ieri fu gettata una granata di vetro piena di combustibili (simile a quella, che in Carnevale fu gettata nel legno del Principe di Musignano) nella bottega del libraio Bonifazi a S. Marcello, che scoppiò, per fortuna, senza recar danno alle persone, che vi si trovavano; ed altra simile avanti a quella del libraio mercante di stampe tedesco a piazza di Spagna, quale però non fece esplosione che questa mattina.

Venerdì 31. — Una notificazione del pro-Ministro delle Finanze Galli smentisce la voce sparsa in questi giorni, che il Governo avesse il progetto di convertire la carta monetata in corso, o diminuirne il valore.


GIUGNO


Lunedì 17. — Per quanto si assicura, il progetto di far adottare l’abito talare abituale al S. Collegio ed a tutto il Clero secolare è stato escluso, e pare non se ne parlerà più.


  1. L’allocuzione sudetta venne pubblicata il 28 dello stesso: essa contiene vivi elogi per le Potenze che avevano contribuito al ristabilimento del Governo pontificio, ma biasimi amari per il Piemonte che pubblicava in quei giorni le famose leggi contro l’imnunità ecclesiastica. Ved. Diario Roncalli Voi. II. part. I, pag. 220 e seg. note.