Pagina:Dieci lettere di Publio Virgilio Marone.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
12 Lettera Terza
350


L E T T E R A   T E R Z A

Ai Legislatori della nuova Arcadia P. Virgilio, Salute.


Eravam ragunati Greci e Latini per leggere dopo tanti alcun Maestro Poeta d’Italia, che col suo stile ci consolasse dell’incoltezza deforme della divina Comedia; ed io già stava per cominciare, quando improvviso levossi e gridò Giovenale:

Nec mi aurum posco, nec mi pretium dederitis
nec cauponantes bellum, sed belligerantes...


e seguia pur con tai versi, e con papiri vecchissimi tra le mani vociferando, se Orazio non accorrea per farlo tacere. E che? rispose il Satirico; poiché vi piace dormire al suon de’ versi di Dante, non è più giusto far questo onore a que’ di Ennio e di Lucilio, che furono i nostri Danti? Bene strano ei sarebbe, se i bisavoli della nostra poesia non ottenesser da noi quella venerazione, e quello studio che gl’italiani riscuotono sin dopo cinque secoli dai lor pronepoti. Io m’impegno di risuscitare la fama loro a dispetto della durezza, della rusticità, dell’oscurità del lor non inteso linguaggio. Ci farò tanti comenti d’attorno, e a fronte, e a tergo, che ne verrà un gran volume. Le allegorie ne’ passi più strani, un calepino di voci antiquate alla mano, i titoli di divina all’opera, ed altri simili ajuti con una setta di lapidarj, di antiquarj, e d’accademici dal mio partito, che voglian essere poeti malgrado