Pagina:Discorso Economico sopra la Maremma di Siena.pdf/16

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14

del Principe, che poche gocce, perchè tutti vogliono dargli la loro lancettata, per mostrare di essere deputati ancora Essi alla sua Cura, per non perdere l’utile della propina.

Se una Terra sia ridotta a poche misere Case, non importa, deve reggervisi il Tribunale, che si meritava quando era popolata, perchè i Nobili, ed i Notari non abbiano un pane, un impiego di meno.

Sono mancati alla Comunità i terratici, gli affitti delle sue terre, per non esservi più chi le semini, sono cessati gli utili de proventi del Macello, dell’Osteria, perchè quei pochi Abitatori, che vi sono rimasti, hanno di brighe a potersi cibare di pane, e d’acqua: contuttociò essa deve depositare nella Cassa, che la governa tutti quelli avanzi, che non vi sono più secondo l’antica tassa. Stia piuttosto senza del Chirurgo, senza del Maestro, senza del Predicatore. Si lasci di risarcire la Chiesa, che rovina, la fonte, che si inaridisce, suppli-