Pagina:Discorso Economico sopra la Maremma di Siena.pdf/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

23

dano all’incendio della propria casa gli Artieri di Siena, se concepissero, che quel piacere del grano, che risparmia loro in qualche anno alcuni scudi; se necessita i Maremmani, ad abbandonare i loro lavori, l’è un seme di carestie. Ed oltre a ciò più non vedranno venir costoro per provvedersi alle loro botteghe, chi per rivestire la famiglia, chi per provvedere i lavoratori, chi per gli arredi degli sposalizi, quello per procacciarsi il necessario, quell’altro per aggiungerli il comodo, e il voluttuoso.

A principiar da quelle Arti, che servono al piacere, alla magnificenza, e discendere poi allo scarpinello, al mendico, non si sentono, che lamenti nella Città. Se si riguardano eziandio le Casse Fiscali, la Curia, il Clero, e le altre nobili professioni, non vi è, chi possa sussistere. La nobiltà medesima se ne viene meno, e quantunque siansi riuniti in un solo i Patrimonj di molte famiglie, pochi sono che