Pagina:Discorso Economico sopra la Maremma di Siena.pdf/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

27

di quelle bonacce, che mettono in perdita l’Agricoltura, non vi è modo di ripararsene, bisogna morire forzatamente di fame.

[Nei luoghi ancora di puro traffico.] Questo è un Discorso, che se non con tutta la sua forza, almeno può con una discreta proporzione applicarsi generalmente ad ogni Arte, ad ogni professione, a qualunque condizione di persone per tutti i tempi, per tutte le Provincie, e Città, senza eccettuarne neppure i Porti di Mare ed i Luoghi di puro traffico, perchè ancora questi devono risentirsi, ed aver danno dall’eccessiva abbondanza di una Provincia, la quale senza spacciare le sue grasce, non possa restare in grado di comprare le loro mercanzie.

[Perciò privilegiata.] Ed è un punto, il quale non ha bisogno di essere autenticato, o cogli antichi esempj dei Greci, degli Ebrei, e dei Romani, o colla moderna pratica di altre ben regolate Nazioni, le quali tennero sempre in grande onore, privilegiarono, e venerarono l’Agricoltura sopra qualunque scienza, sopra