Pagina:Discorso Economico sopra la Maremma di Siena.pdf/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
68

l’alimento più necessario per reggersi in piedi: ed il pretendere che una Provincia nelle Carestie eziandio straordinarie mandasse in altri Paesi quello, che l’è necessario per vivere ripugna al buon senso della natura, quanto l’uccidere se medesimo.

[Potrebbono lasciarsi le Tratte aperte, e comprarsi i Grani.] Veramente parrebbe un volerne troppo, e sarebbe un render troppo odioso il Discorso, se si stendesse a persuadere la libertà delle Tratte anche nei tempi delle Carestie sterminatrici. Ma pure vi resterebbe da rispondere, che potrebbe lasciarsi la libertà di estrarre i Grani, e fare insieme in modo, che di fatto non si estraessero; se i Compratori della Provincia si conformano ai prezzi, che corrono alla Marina, se vogliano anche a pari prezzo essere preferiti ai Forastieri, non vi è danno dei Venditori, nè la Provincia perde il suo alimento, benchè restino le Porte aperte.

Ma lasciando di discorrere delle Carestie straordinarie dove la Legge di natura, e della propria difesa può dispensare a